LinkedIn è la piattaforma social media dedicata ai professionisti. Benché sia molto meno popolare di Facebook, Snap Chat, YouTube ed Instagram, ha una base di utenti in crescita e molto fedele. E’ il sito dove le aziende vanno a cercare nuovi candidati per l’assunzione. E’ quindi il social media dove presentare il proprio curriculm professionale così da avere nuove possibilità di carriera. E’ infine il luogo dove i professionisti si fanno conoscere e creano una rete di contatti e di referenze.

Negli ultimi sei anni si è decuplicato, diventando un punto di riferimento negli Stati Uniti e in molte altre nazioni del mondo. Se state cercando opportunità di lavoro professionale negli USA, LinkeIn è un passaggio obbligato.

Inannzi tutto qui troverete tutti i vostri concorrenti, vale a dire gli americani che si propongono sul mercato del lavoro e che sono destinati ad avere precedenza su di voi in caso di assunzione presso un’azienda statunitense.

Studiare la vostra concorrenza sul mercato statunitense

Studiando i profili delle persone e vedendo quali sono i tipi di professionalità più ricercate e meno disponibili, avrete un’idea del tipo di profilo professionale che dovrete presentare pe essere presi in considerazione e per indurre un’azienda americana ad affrontare il lungo e tedioso percorso burocratico per richiedere un visto a vostro nome.

Analizzando inoltre la distribuzione degli utenti LinkedIn nel mondo, vedrete quali altre nazioni lo usano in modo intensivo e quali sono anche i paesi da cui arrivano la maggior parte dei professionisti che immigrano negli Stati Uniti.

L’india è il secondo paese al mondo in termini di utenti su LinkedIn il che è giustificato sia per il fatto che ha una grande popolazione interna di laureati e di technici che parlano inglese e che si propongono sul mercato internazionale. E’ anche la fonte primaria per le assunzioni di stranieri negli USA.

L’Italia è comunque prensente in una delle primissime posizioni, l’ottava, subito dopo Canada e Francia, a indicare che questa piattaforma social media è estremamente importante anche nel Bel Paese. E addirittura più forte rispetto al Messico che dispone una popolazione molto più grande rispetto a quella italiana, ma che ha un numero evidentemente inferiore di professionisti e di impiegati specializzati.

Come usare LinkedIn nella ricerca di lavoro

Ci sono almeno otto modi diversi in cui LinkedIn può aiutarci a trovare un lavoro negli Stati Uniti oppure in Italia. Il più importante tra questi è la ricerca preventiva sulle aziende che offrono posizioni al proprio interno. E viceveresa la ricerca di candidati da parte delle aziende. LinkedIn non è una bacheca di annunci, ma è il luogo dove le aziende verranno a studiare il nostro profilo e il nostro background una volta presa in considerazione la nostra candidatura.

Per chi invece cerca lavoro, LinkeIn è il posto perfetto per conoscere l’azienda a cui proporsi, per vedere chi già lavora in quella società e che tipo di persone sono. E’ il posto idealer per coltivare collegamenti con i nostri futuri colleghi, chienti o con il nostro futuro capo.

E’ il contesto giusto per parlare dei propri interessi e delle proprie esperienze professionali. Per sfoggiare la nostra competenza sotto forma di articoli scritti da noi oppure di referenze scritte da altri.

E’ anche il posto ideale per ripristinare contatti con persone con cui abbiamo lavorato in passato e che nel frattempo hanno magari cambiato azienda. Saranno questi punti di contatto, che già ci conoscono personalmente, a facilitare il nostro ingresso nel nuovo contesto.

LinkedIn non è tuttavia un ambiente in cui vendere direttamente, ma è il luogo dove creare contatti che potranno in seguito portare a una vendita. Non è il luogo in cui proporsi per un’assunzione, ma è il luogo in cui creare le condizioni affinché l’assunzione diventi possibile. Nel video abbinato a questo articolo vediamo come LinkedIn si posiziona rispetto agli altri social media.

Roberto Mazzoni

Altri articoli su temi simili:

LinkedIn come funziona il social media per professionisti