Fintech è una parola che sentiremo molto spesso nei prossimi anni. Il mondo sta decisamente spostandosi verso l’elettronica e verso un impiego sempre più ampio di Internet. Siamo tutti consapevoli del crescente disagio nel mondo finanziario tradizionale. Le banche sono preoccupate di essere escluse dalla futura rivoluzione digitale. I governi desiderano tutelare le proprie valute contro il diffonersi di valute digitali. Il fenomeno del commercio elettronico è talmente vasto da richiedere nuovi sistemi di pagamento. Persino il commercio tradizionale sta cambiando con il diffondersi dei digital wallet.

Gli Stati Uniti sono una delle nazioni all’avanguardia in questo settore anche perché il dollaro è la valuta di riferimento per molte transazioni internazionali. E’ quindi naturale che il mercato statunitense del Fintech abbia già dimensioni considerevoli e continui a crescere.

Evoluzione del mercato Fintec statunitense

Negli USA cresce costantemente il numero di transazioni finanziarie che viene eseguito online. Quest’anno di parla già di 706 miliardi di dollari, che diventeranno 885 miliardi l’anno prossimo. I sistemi più comuni per eseguire questo tipo di transazioni sono naturalmente un computer oppure un telefono intelligente collegato a una rete mobile.

I tre settori primari sono: i pagamenti digitali (digital payments), la business finance e la consumer finance. Per business finance s’intende la gestione dei finanziamenti alle aziende. La consumer finance racchiude invece i prestiti ai privati e la gestione dei portafogli d’investimento individuali.

L’area di principale interesse è naturalmente quella dei pagamenti digitali che cresce in modo letteralmente esplosivo. Siamo passati dal classico registratore di cassa a ogni tipo di sistema mobile per la raccolta di pagamenti. I concorrenti che continuano ad affacciarsi in questo ambito sono sempre più numerosi. L’obiettivo è di fornire tecnologie che permettano di raccogliere velocemente pagamenti in qualsiasi contesto e in qualsiasi momento.

La consumer finance è particolarmente importante negli Stati Uniti dove la gran parte degli acquisti avviene con finanziamento. Se comperate una nuova auto, per esempio, il concessionario è incentivato a vendervela tramite un prestito. Le banche da parte loro vogliono concedere quanti più prestiti possibile avendo enormi scorte di valuta.

Le tecnologie Fintec entrano in gioco per favorire l’erogazione quasi immediata del prestito. Non è più necessario telefonare alla società finanziaria. Basta operare direttamente da computer o da telefonino per attivare il finanziamento in pochi minuti.

La gestione dei portafogli è un altro settore molto promettente negli USA considerando che le pensioni individuali sono spesso il frutto d’investimenti finanziari. C’è quindi grande richiesta per applicazioni su smartphone che permettano di gestire rapidamente il proprio portafoglio.

La concessione di prestiti alle aziende è il settore più piccolo, ma destinato a crescere a partire dal prossimo anno. Rimarrà molto distanziato dagli altri due , ma offre comunque potenzialità per chi vuole avviare una startup negli USA. Nel video abbinato a questo articolo vediamo l’evoluzione delle cifre per ciascuno dei tre settori.

Roberto Mazzoni