Dove investire nel mercato automobilistico statunitense

Dove investire nel mercato automobilistico statunitense

L’automobile è uno dei prodotti chiave dell’industria e della cultura statunitense. Si tratta anche del settore maggiormente sensibile alle fluttuazioni dell’economia americana e mondiale. Rappresenta quindi un’area d’investimento assai importante e promettente per chi vuole avviare una nuova attività negli Stati Uniti oppure in Europa, però è essenziale scegliere il settore giusto in modo da non essere travolti da una guerra di prezzi oppure dall’andamento del prezzo del petrolio.

La tendenza del futuro è di interconnettere ciascuna vettura a Internet in modo che sia possibile tracciarne il percorso e trasmettere alla vettura contenuti d’intrattenimento, notizie e altri tipi di contenuti digitali tra cui la posta elettronica e i documenti di lavoro. Ne abbiamo già parlato negli articoli Intrattenimento sull’automobile via Internet e rete telefonica e L’automobile diventa un ufficio itinerante negli Stati Uniti.

Si tratta naturalmente di mercati accessibili in modo indiretto tramite i network che forniscono contenuti e tramite le aziende che producono software per l’ufficio. Ma l’evoluzione del mercato automobilistico statunitense sta dando vita a settori che sono alla portata anche delle piccole aziende e software house che sono disposte a investire in settori molto specialistici e a scommettere sul potenziale di questi nuovi sviluppi.

Quali sono i settori emergenti

Li abbiamo descritti in due articoli precedenti: Industria automobilistica negli USA: quali sono i nuovi settori emergenti e Assicurazioni pay as you drive per pagare solo quando viaggi. In questi due articoli abbiamo visto in modo chiaro che c’è un enorme potenziale di sviluppo nell’aggiornamento a distanza del software che gestisce la vettura, nella manutenzione preventiva e nel calcolo del premio assicurativo in base allo stile di guida.

Si tratta di tre ambiti dove lo sviluppo software riveste un’importanza strategica e dove servono sviluppatori e aziende che siano in grado di prepare programmi capaci di funzionare in condizioni estreme. L’automobile è infatti sottoposta costantemente a forti campi elettromagnetici, a temperature estreme e ai disturbi provocati dagli elementi atmosferici. In tale contesto, qualsiasi apparato elettronico tende a funzionare in modo imprevedibile e occorre quindi un software che sia in grado di prevedere le diverse situazioni e che possa anche aggiornarsi a distanza non appena se ne presenti la necessità.

Servono anche programmi che possano dialogare direttamente e in modo affidabile con i sistemi di gestione centrale dei vari produttori di autobobili, delle catene di concessionari e delle compagnie di assicurazione al fine di fornire elementi statistici importanti e innescare qualsiasi azione sia necessaria per garantire il corretto funzionamento della vettura.

Perché muoversi subito

Si tratta chiaramente di un campo avveniristico, ancora in gran parte inesplorato. L’aspetto interessante è che, come spiegato in questo video, il maggior potenziale di crescita si sta manifestando proprio adesso e continuerà a manifestarsi nei prossimi anni con trend che possono fare la fortuna di qualsiasi imprenditore che sappia cogliere l’attimo e sappia anche creare le giuste alleanze con i produttori automobilistici oppure con le compagnie di assicurazione in modo da cavalcare questa onda formidabile di sviluppo.

Roberto Mazzoni

Assicurazioni pay as you drive negli USA

Assicurazioni pay as you drive negli USA

Il mercato automobilistico statunitense continua ad evolversi con l’aggiunta di nuovi settori, tra cui l’assicurazione pay as you drive che lega il valore del premio allo stile di guida dell’automobilista e alla frequenza d’uso del veicolo. Si tratta di un’approccio assolutamente innovativo nel settore delle assicurazioni perché consente di realizzare polizze su misura che tengono conto dellle effettive qualità del singolo assicurato e non soltando di statistiche generali.

Ne avevamo già parlato in un articolo precedente (I settori emergenti dell’industria automobilistica statunitense) e avevamo fornito alcune cifre generali. In questo video-articolo vediamo invece la dimensione dettagliata di questo settore anno per anno, a partire dal 2015 per arrivare al 2020. Altri due settori emergenti che si associano a questo nuovo tipo di assicurazione e che sono quantificati in dettaglio in questo video sono: predictive maintenance e remote update service.

I punti di contatto fra i tre settori sono abbastanza evidenti: una vettura sottoposta regolarmente a manutenzione funzionerà meglio e sarà più sicura. Inoltre un automobilista attento alle scadenze dei tagliandi e veloce nel rispondere alle segnalazioni di possibili guasti è più affidabile rispetto a un automobilista distratto e noncurante della propria vettura. L’aggiornamento a distanza del software che governa le componenti elettroniche della vettura è invece importante perché consente di avere un sistema privo di errori e malfunzionamenti generati in fabbrica e permette di caricare nuove funzioni necessarie proprio alla gestione di questa nuova famiglia di polizze.

Gli aspetti sociali

Questo tipo di servizio, che sarà integrato all’interno della vettura e che quindi non potrà essere disattivato dall’automobilista, pone una serie di considerazioni di natura sociale, prima di tutta la privacy. Infatti, per funzionare correttamente, questo particolare tipo di assicurazione deve sapere in ogni istante dove si trova la vettura e chi la sta guidando. I privati potrebbero trovare quindi questo approccio troppo invadente e potrebbero preferire le polizze tradizionali, anche se potenzialmente più costose.

La prospettiva cambia invece radicalmente quando consideriamo la gestione di flotte aziendali dove la vettura dovrebbe essere utilizzata unicamente per lavoro e l’azienda ha tutto l’interesse a controllare i movimenti del proprio dipendente e a controllare lo “stato di salute” di ogni singola vettura.

Anche in questo caso si pongono considerazione di natura sociale, in particolare riferimento ai contratti di lavoro e alla privacy in ambito lavorativo, ma sicuramente i vantaggi per le aziende superano gli svantaggi che possono derivare al dipendente. Inoltre, trattandosi di un benefi aggiuntivo, diventa più facile per l’azienda far accettare al dipendente un livello di controllo maggiore, concendendo possibilmente vantaggi collaterali come il pagamento automatico dei parcheggi e dei pedaggi a carico della società e il pagamento di alberghi e ristoranti sempre a carico della società.

Questa tegnologia consentirà infatti, non solo di raccogliere informazioni sullo stato e sulla posizione della vettura, ma anche di pagare direttamente per servizi e prodotti che si trovano nelle vicinanze della vettura e di convogliare tali pagamenti su un conto centralizzato, abbinato alla vettura e non al conducente.

Crescita costante

Nei grafici riportati in questo video vedrete che il settore di maggior crescita e di maggior volume in assoluto è quello del “remote update service”, seguito dalla “predictive maintenance” e infine dalla “pay as you drive insurance”.

Questo andamento è giustificato dal fatto che la manutenzione e l’aggiornamento a distanza sono requisiti essenziali per qualsiasi industria automobilistica e perciò avranno la priorità nello sviluppo delle nuove vetture. La loro presenza, inoltre, consentirà e faciliterà lo sviluppo delle assicurazioni pagate a consumo.

Roberto Mazzoni

Industria automobilistica negli USA: settori emergenti

Industria automobilistica negli USA: settori emergenti

L’industria automobilistica negli USA sta attraversando una profonda evoluzione. Questa è in parte sollecitata dalla ricerca costante di vetture che comportino un minor costo di esercizio e in parte dalla ricerca di veicoli che possano essere guidati il più a lungo possibile ponendo il minor numero di problemi possibile.

Manutenzione preventiva

Per rispondere a questo tipo di esigenze, stanno nascendo tre aree particolarmente innovative. La prima è la manutenzione preventiva eseguita a diastanza mediante Internet e sistemi di monitoraggio digitali. Con questa tecnica è possibile controlla costantemente lo stato dell’automobile e quindi individuare possibili rotture oppure funzionamenti non ottimali per tempo e proporre interventi di manutenzione preventiva così da evitare che si verifichino guasti.

Assicurazione pay as you go

La seconda area emergente prende il nome di assicurazione “pay as you drive”, vale a dire che il premio assicurativo viene valutato in funzione dell’uso reale del veicolo e dello stile di guida. Un sistema digitale tiene traccia dei movimenti del veicolo e li comunica alla compagni assicuratrice così da attivare o sospendere la copertura in funzione dell’effettivo uso e così anche da stabilire un profilo di impiego da parte del guidatore. Benché questo tipo di applicazione sollevi naturalmente perplessità in materia di privacy, trova interesse presso le aziende che vogliono tener sotto controllo il costo di assicurazione delle proprie vetture e la qualità di guida dei propri dipendenti e autisti.

Aggiornamento software a distanza

Il terzo settore è quello dell’aggiornamento a distanza del software che oggi governa tutte le componenti di un’automobile. Tale software, come avviene in qualsiasi altri dispositivo digitale, deve essere periodicamente aggiornato per eliminare difetti e per aggiungere nuove funzioni, e tale aggiornamento può essere ora eseguito completamente a distanza senza dover richiamare la vettura presso l’officina del concessionario.

Questi tre settori stanno emergendo proprio in questi mesi e meritano l’attenzione di quegli imprenditori che vogliono avviare un nuovo settore d’investimento negli Stati Uniti oppure in Europa.

Roberto Mazzoni

Sistemi di navigazione che cambiano l’automobile

Sistemi di navigazione che cambiano l’automobile

I sistemi di navigazione sono diventati un accessorio indispensabile per qualsiasi automobilista e costituiscono un settore promettente per chi desidera investire negli USA. Hanno subito notevoli trasformazioni nel tempo. Si è passati da apparati dedicati che non consentivano nemmeno l’aggiornamento delle mappe, a dispositivi che possono collegarsi a un computer e ricevere l’aggiornamento delle mappe e del software, a software che nella forma di “apps” vengono eseguite direttamente sul telefonino o smartphone.

E’ stata propria questa ultima trasformazione che ci ha abituato a disporre di mappe costantemente aggiornate che vengono scaricate tramite una connessione a Internet e che sono a nostra disposizione dovunque andiamo.

Come cambiano i sistemi di navigazione integrati nell’automobile

Le apps su telefonino ci hanno anche abituato a ricevere pubblicità in modo personalizzato e variabile in funzione del luogo in cui ci troviamo. Non è quindi una sorpresa che i sistemi di navigazione integrati all’interno dell’automobile stanno andando nella stessa direzione. In futuro integreranno sia la funzione di aggiornamento automatico via Internet sia la possibilità di ricevere la segnalazione di offerte in funzione del luogo in cui ci troviamo. Un tipico esempio in tal senso sarebbe la ricezione di pubblicità e coupon dai negozi e dai locali che si trovano sul nostro percorso.

Un altro impiego interessante di questi nuovi sistemi sarà il pagamento automatico del parcheggio oppure del pedaggio, con funzioni integrate direttamente all’interno della vettura e senza dover utilizzare sensori esterni da applicare sul cruscotto oppure sul parabrezza, come avviene ora.

Queste nuove applicazioni aprono nuovi mercati potenziali che meritano considerazione da parte di chi pensa di investire negli Stati Uniti per avviare una start-up oppure per chi vuole avviare una nuova attività nel proprio Paese di origine e in particolare in Europa dove la diffusione di queste nuove tecnologie sta già raccogliendo consensi.

In questo video vediamo la dimensione dei vari settori legati a questo nuovo mercato e le potenzialità di sviluppo futuro.

Roberto Mazzoni

10 aziende al top negli USA per quantità di contante

10 aziende al top negli USA per quantità di contante

Le dieci aziende statunitensi che sono più ricche di contante forniscono una chiara indicazione dei settori che sono più promettenti per chi voglia avviare una startup negli USA . Tra questi dieci leader troviamo sette società che sono attive nel mondo della tecnologia informatica il che ci mostra di nuovo come l’economia digitale sia di fatto una realtà con cui fare i conti.

Chiunque progetti di avviare una società imprenditoriale negli USA oppure desideri espandere l’attività già esistente, dev’essere in grado di comprendere e di governare gli elementi di base del marketing su Internet e su Smartphone, come pure di integrare l’uso dell’informatica in tutti gli aspetti della propria attività.

Le prime cinque società americane in termini di contante

Le prime cinque aziende di questa classifica vedono Apple che domina incontrastata al primo posto con una riserva di contante più che doppia rispetto alla seconda classificata, Microsoft. Quest’ultima continua a rimanere una delle aziende più ricche di cassa negli USA grazie al suo modello di vendita che si orienta sempre più verso l’abbonamento , diove l’utente paga per vedere uno spettacolo, per usare un software oppuer per consumare notizie. Anche la pubblicità che costituisce un flusso costante e immediato di contante, gioca un ruolo importante nell’economia del gigante di Seattle.

Al terzo posto troviamo Google, ben distanziata dalle prime due, ma in costante ascesa, che raccoglie la maggior parte delle proprie entrate dal prolifico settore della pubblicità online. Al quarto posto c’è Cisco, che produce gran parte del software e dell’infrastruttura necessaria a mantenere la rete di Internet in funzione. Al quinto posto troviamo infine Oracle, un colosso del software che fornisce le piattaforme per gestire le enormi quantità di dati che oggi devono essere memorizzati e utilizzati nel business online.

Hardware meno importante del software

Al nono e decimo posto troviamo rispettivamente Intel e Qualcomm, entrambi produttori di apparecchiature hardware che contribuiscono in modo essenziale allo sviluppo della nuova economia digitale, ma che sono chiaramente meno importanti di chi fornisce software oppure contenuti.

Apple, che domina la classifica, costituisce un’eccezione in questo senso perché riesce ad abbinare un hardware decisamente innovativo con la proposta di un’enorme quantità di applicazioni e di contenuti d’intrattenimento.


Altri articoli pubblicati su questo tema: